banda http://blografando.splinder.com

domenica 7 settembre 2008

Sarà il centrodestra a dare una normativa alle unioni civili comprese le coppie Lgbt? Pare di si.

PRESTO UNA PROPOSTA SULLE UNIONI CIVILI PREPARATA CON IL MINISTRO BRUNETTA. ROTONDI VUOLE UNA LEGGE ANCHE PER LE COPPIE GAY.

(Agi) Una proposta di legge sulle unioni civili: e' la "sorpresa" che stanno preparando Gianfranco Rotondi e Renato Brunetta. Lo rivela in una intervista al Tempo il ministro per l'Attuazione del programma, chiarendo che "il governo sara' tenuto fuori da questa iniziativa. Sara' un progetto di legge a firma mia e di Brunetta". Rotondi spiega che, anche se la materia non riguarda il programma dell'esecutivo, "c'e' da legiferare in ordine a un fenomeno che non e' marginale e che riguarda le persone che a vario titolo convivono senza essere sposati. Spesso indipendentemente dal fatto sessuale". Rotondi e Brunetta pensano dunque a tutele come "l'assistenza in caso di malattia, la successione, i diritti relativi all'alloggio, insomma tutti i diritti che rendono il convivente prioritario rispetto ai parenti e che per ora non esistono. E ci occuperemo anche delle coppie gay".
---

Gianfranco Rotondi parla della sua proposta di legge durante un'intervista rilasciata a Radio radicale.

Sphere: Related Content

1 commento:

erox ha detto...

Mi sbaglierò ma a parte la proposta non andranno oltre, e ho il sospetto che comunque i veri intenti siano ben altri e più subdolamente strumentali di quelli dichiarata.
La loro proposta si riferisce genericamente a "persone che a vario titolo convivono senza essere sposati. Spesso indipendentemente dal fatto sessuale". Francamente non si capisce a chi possa servire una leggere per il riconoscimento dei diritti se non a coppie di fatto etero e coppie gay, ma come vedete la legge fa un riferimento generico a persone che vivo, di fatto gli interessa solo battere sui tempi eventuali proposte che invece diano piena dignità sociale di coppia a tutte le coppie conviventi etero ed gay, per lasciare questa dignità sociale solo a quelle spostate (opzione comunque preclusa a quelle gay); e diluiscono la portata così di queste coppie mettendole in un minestrone indistinto di persone che genericamente vivono assieme su legami che manco si capiscono quali sarebbero per poter fare realmente una coppia, e a cui evidentemente non interessano diritti i coppia!